sabato 13 agosto 2016

Non c’è più rispetto!



Talvolta inevitabilmente mi capita di esprimere un’opinione negativa su qualsivoglia forma di religione, sia in linea generale, sia entrando nel merito di taluni contenuti dottrinali o teologici, sia quando si tratta di considerarne la storia, dal terribile passato al subdolo presente.

Quando, anche pacatamente, esprimo la mia critica, puntualmente qualcuno, non un rappresentante della religione in questione ma un “fedele”, neanche tra quelli che ci credono davvero fino in fondo, interviene. Senza che io mi sia rivolto a lui in particolare o che mi senta nella posizione o nell’intenzione di convincerlo di alcunché, mi richiama al RISPETTO. “Eh, ma ci vuole rispetto!”: in quel momento i cattolici della domenica diventano curiosamente i paladini dell’etica e della correttezza, a difesa del loro credo (fantastici quando difendono l’Islam!). A parte il fatto che, appunto, neanche loro sono poi così convinti e seri nel momento in cui si entrasse davvero nel merito di ciò di cui si sta parlando, io chiedo: verso chi e verso cosa manco di rispetto? Verso chi e verso cosa dovrei rispetto?

- Verso Dio? Quando parlo di religioni non parlo di Dio, né di spiritualità. Sono due cose molto diverse sebbene le religioni ne usino, sempre più indebitamente, il nome.

- Verso chi crede? Ognuno è libero di scegliere o di accettare la fede che vuole, tra l’altro di solito sempre molto personalizzata. Molto irrispettosamente direi. Ma non entro nel merito delle scelte personali, gusti son gusti.

- Verso la religione? La Chiesa? Verso quei personaggi nullafacenti (ma molto tenenti) che si vestono in modo buffo? Spesso beccati con le mani nella cassetta delle offerte o nelle mutande di qualche ragazzino?

Ok parliamo di questo. Ma voglio farlo in modo generale, a monte di qualsiasi altra considerazione (e ce ne sarebbero!). Fondamentalmente per me le religioni sono portatrici di ignoranza, ipocrisia e manipolazione, con tutte le conseguenze sociali, economiche e geopolitiche che conosciamo purtroppo da millenni. Diventano immancabilmente strumento di violenza, morte e giustificazione. Dietro di esse si muovono interessi materialistici colossali e non certo per la salvezza dell’umanità. Le religioni sono sempre state e restano un affronto alla dignità e all’intelligenza umana. No: alle religioni, alle chiese e ai loro teologi non posso accordare, men che meno all’insegna del “volemose bene”, alcun rispetto. Vi dirò di più: se proprio ci tenete è da loro che dovreste pretendere rispetto! Ah, si sono scusati? Ah, ma i cattivelli sono solo una minima parte? Purtroppo non sono ancora riusciti oggigiorno a meritare il mio rispetto. Le religioni… che piaga! Ipnosi e sedazione collettiva al servizio dei potenti della Terra che solo sanno servire l’unico grande e vero dio in cui credono: il denaro! Altro che… Pretendete da loro rispetto!

Del resto non mi sembra che Gesù, sì proprio il vostro caro buon Gesù, andasse tanto per il sottile coi preti.

Leggiamo Matteo, 23:

" .. legano dei fardelli pesanti e li mettono sulle spalle della gente; ma loro non li vogliono muovere neppure con un dito. 5 Tutte le loro opere le fanno per essere osservati dagli uomini; infatti allargano le loro filatterie e allungano le frange dei mantelli;6 amano i primi posti nei conviti, i primi seggi nelle sinagoghe, 7 i saluti nelle piazze ed essere chiamati dalla gente: "Rabbì!

… Ma guai a voi, scribi e farisei ipocriti, perché serrate il regno dei cieli davanti alla gente; poiché non vi entrate voi, né lasciate entrare quelli che cercano di entrare.
14 [Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, perché divorate le case delle vedove e fate lunghe preghiere per mettervi in mostra; perciò riceverete maggior condanna.]

…Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, perché pulite l'esterno del bicchiere e del piatto, mentre dentro sono pieni di rapina e d'intemperanza…

..Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, perché siete simili a sepolcri imbiancati, che appaiono belli di fuori, ma dentro sono pieni d'ossa di morti e d'ogni immondizia. 28 Così anche voi, di fuori sembrate giusti alla gente; ma dentro siete pieni d'ipocrisia e d'iniquità…
29 Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, perché costruite i sepolcri ai profeti e adornate le tombe dei giusti 30 e dite: "Se fossimo vissuti ai tempi dei nostri padri, non saremmo stati loro complici nello spargere il sangue dei profeti!" 31 In tal modo voi testimoniate contro voi stessi, di essere figli di coloro che uccisero i profeti. 32 E colmate pure la misura dei vostri padri! 33 Serpenti, razza di vipere..

…ricada su di voi tutto il sangue sparso sulla terra…"

Eh, mio caro Gesù, va bene che sei Gesù, però un po’ di rispetto!

Non crucciatevi: non tocco la vostra fede, il vostro dio. Non preoccupatevi per me se dico cose sconvenienti. Mi spiace, non è neanche mia intenzione farvi fare brutta figura se “gli altri” sanno che mi conoscete o che mi frequentate. Comunque, non temete: se mi invitate alla festa del patrono e dovessi trovarmi il prete a tavola mi saprei comportare. Non credo si entrerebbe in argomento: di solito se magna e se beve… un po’ di politica, un po’ di banalità, qualche favore reciproco, due ruttini – rispettosamente interni – e il carrozzone va avanti. “Fai quello che il prete dice, non fare quello che il prete fa”… che stile! La faccia è salva. 

Veniteeee Fedeeliiiii…


1 commento:

Alessandro J.T. ha detto...

a parte il fatto che sono d'accordo con te al mille per mille: non credi che tutto ciò sia lo specchio dei tempi, per cui quando tocchi (involontariamente o meno) un tasto dolente a queste persone/zombi, si trasformano in agenti Smith pronti a combatterti? E poi il rispetto cos'è? Se combatto contro l'infibulazione, mi diranno forse che non ho rispetto per le culture altrui? Siamo in un periodo storico in cui il potere ha una volontà precisa di omologare tutto: pensieri, parole e perfino corpo.
Forse è sempre stato così, ma ora più che mai mi sembra che la gente sia "schiava".
un caro saluto e grazie di tutto.
Alessandro