mercoledì 19 marzo 2014

Come vedi oggi la possibilità di realizzare davvero la coscienza? Potrei dire, addirittura, di “illuminarsi”?



(estratto da uno degli incontri di Carlo con il Gruppo di Meditazione e Ricerca)

Domanda

Come vedi oggi la possibilità di realizzare davvero la coscienza? Potrei dire, addirittura, di “illuminarsi”?

Carlo

Questa è una di quelle domande che chiamo “domandoni”.
In base a ciò che vedo, che sono in grado di vedere e di interpretare della realtà che mi circonda, delle persone che incontro e che seguono un certo tipo di volontà e di modo di pensare, direi che oggi, forse più che mai (ma sarebbe presuntuoso dirlo in assoluto), ci troviamo di fronte a due velocità: a due possibilità.

La prima riguarda l’umanità intesa nella sua collettività. Mi sembra evidente una fase di chiusura, di collasso, oserei dire di apocalisse. Tutta una serie di valori esistenziali ed evolutivi sono (forse definitivamente?) compromessi e, di generazione in generazione, sembra essere sempre peggio: la natura, gli altri, l’amore, l’amicizia, il sapersi godere la vita, le cose (le piccole cose!), il valore della persona come tale e non in quanto unità produttiva e di consumo, il valore della vita nella usa bellezza, nella sua pienezza, il rispetto, l’onestà… più o meno sono tutti messi da parte, a vantaggio di altre priorità collettive, che ognuno poi incarna in diversi modi e con diverse intensità, quali il guadagno, il vantaggio personale, l’accanita paura per la propria sopravvivenza, che oggi significa apparenza, profitto, immagine, considerazione secondo le convenzioni sociali, le mode, le morali, i dictat del mercato, immersi in una realtà politica, sociale, economica, (militare!), umiliante, mortificante, devastante il pianeta, il senso della vita e dell’umanità, fatta di furberie, manipolazioni, inganni e sotterfugi su scala mondiale, grazie a tecnologie e tecniche di controllo davvero straordinarie in quanto sempre più subdole, pensate e implementate ad altissimi livelli, di cui non ormai neanche sospettiamo l’esistenza.

Questo scenario non lascia spazio a molte speranze: la situazione pare davvero gravemente compromessa, a livello minimo di senso dell’umanità, altro che illuminazione! E pensare che avremmo le conoscenze e tecnologie per vivere davvero bene, tutti in ricchezza, con la possibilità di riciclare, di usare soluzioni ecologiche, di mangiare bene e sano, di curarci nel modo giusto, accedendo ad energie illimitate, pulite e disponibili… Ma non è così che è andata la storia.

La seconda “velocità” è invece quella individuale, proprio personale. Infatti, pur considerando, inevitabilmente, lo scenario brevemente tratteggiato sopra, che si riflette a tutti i livelli, dal mondo all’ufficio, alle mura domestiche, OGNUNO può sempre farsi due conti, dentro di sé. Pur mortificato dalle incombenti necessità, oppure sedato dai numerosi artifici del controllo (dalla TV, ad un apparente e mediocre benessere, tutto sommato più o meno confortevole, al più sofisticato trip dello spiritualismo da bancarella), ognuno può, se lo sente, se riesce ancora a sentirlo, tentare di “salvare il salvabile”: magari non si tratterà di “illuminarsi” oggi o domani, e magari neanche dopodomani, e neanche in questa vita, però, al di là delle mille pratiche e scelte che potranno farlo stare meglio (non è quello il punto), potrà forse dare spazio ad un sentire più profondo e, se sarà così, muoversi ancora tra le pieghe della sincronicità e trovare (ritrovare) la possibilità di “fare un lavoro”, anche si trattasse “solo”, date le circostanze, di riuscire ad orientare la propria anima, se non per vivere l’illuminazione in questa dimensione esistenziale, per potersi disporre ad uno “spostamento” quando, conclusa questa “incarnazione”, potrà vibrare ad altri livelli e su altri piani.

Come vedete reputo l’ottenere questo risultato qui, su questo piano, come qualcosa di molto remoto, non volendo considerare le suggestioni e i trip personali… palliativi che niente hanno a che vedere con quello che mi hai chiesto. E forse la Grande Opera, per questo nostro attuale piano esistenziale, consisterà “solo” nel recuperare quella possibile disposizione, senza niente di più eclatante, nel silenzio di una consapevolezza profonda, semplice, invisibile. L’esoterismo ai suoi massimi livelli. E poi, comunque, avendo fiducia in quello che veramente siamo… chissà… che da quella disposizione non possano sorgere nuove, imprevedibili ed inspiegabili determinazioni, di cui però non sarei ora in grado – né intendo – alimentare una speranza che risulterebbe solamente suggestiva e consolatoria.

Domanda

Da dove si comincia per fare questo lavoro interiore?

Carlo

Dal preoccuparsi un po' meno di se stessi.


2 commenti:

Adriana Berra ha detto...

questo "domandone" e la tua risposta mi pare fossero nei tuoi e-book, Carlo. Ad ogni modo li ritrovo con piacere, perché è un punto su cui mi interrogo da un bel pezzo. Un giorno di parecchi anni fa che mi sono "ascoltata" in maniera diversa, sono finita in un seminario di meditazione, senza sapere bene cosa fosse, e da lì ho trovato, o ritrovato, una strada su cui ho un bisogno naturale di proseguire. Infatti dopo tante interruzioni dovute a circostanze oggettivamente pesanti, adesso, anche se i blocchi non mancano (in parte veri, in parte alibi), il cammino è aperto, e penso che non possa chiudersi. Spesso però mi domando quanto potrò e saprò andare avanti, tra difficoltà oggettive e alibi. Mi rispondo, all'incirca, che una ricerca imperfetta è comunque una ricerca. E poi, ormai ho sperimentato che se mi ci dedico (sostanzialmente meditando, e poco altro), la ricerca va avanti da sola, la strada mi si mostra da sola. Soprattutto, SENTO che un cambiamento c'è, che la mia coscienza è un po' diversamente orientata, e questa per me, pur senza sopravvalutarla, è una realizzazione, più significativa di tante altre cose che non mi fanno proprio più sentire "realizzata". Forse sono andata troppo sul personale, con questo contributo, ma penso di non essere la sola ad avere bisogno di parlarne, confrontarsi. La mia, poi, è una ricerca condotta isolatamente. Ora forse un po' meno. Adriana

Carlo Dorofatti ha detto...

Grazie Adriana !!! :-)